Home page
 


Links
Home page
 
Abjz 125
Michel Polga meets Fabrizio Bosso STUDIO SESSION
  Michele Polga -Fabrizio Bosso quintet

   
Distributed by IRD
acquista on-line questo CD
 
With:
Fabrizio Bosso : trumpet, flugelhorn
Luca Bulgarelli : doublebass
Tommaso Cappellato : drums
Luca Mannutza : piano
Michele Polga : tenor sax
 
 
 
  Il precedente disco, “Michele Polga meets Fabrizio Bosso”( catalogo Abeat abjz 097), live at Panic jazz club, ha rappresentato un unicucm nel panorama del recente jazz italiano. Un disco di grandissimo successo di critica, pubblico , testimoniato dalle cospicue vendite che hanno fatto gridare al piccolo miracolo.
Questo disco, registrato questa volta in studio, ne è la naturale prosecuzione. Il livello è davvero strepitoso e conferma le doti di questo quintetto che davvero rappresenta una delle più interessanti forze in campo dell’ ultimo lustro. Una ritmica tra le più quotate ormai del panorama nazionale
( con Bulgarelli e Mannutza in particolare gettonatissimi in altre formazioni…) e due solisti che sorprendono ogni volta. Accanto a Fabrizio Bosso che ogni volta stupisce e che da più parti viene ormai indicato come uno dei trombettisti più performanti al mondo, il piacere di scoprire il tenorsassofonista Michele Polga, dotato di grande suono, tecnica ed eccelente espressività.
Un disco che rinnoverà sicuramente l’immagine d’alto rango che il jazz italiano sa proporre nel mondo. Ci piace qui richiamare un commento del grande Enrico Rava a proposito di questo disco:

“UN INIZIO FOLGORANTE. UN TEMA AGILE E VELOCE SU UN OSTINATO MOLTO EFFICACE E DECISO… SUL QUALE VOLA LETTERALMENTE L’ASSOLO DI MICHELE POLGA. SIAMO IMMEDIATAMENTE CONQUISTATI.
IL JAZZ E’ PIU’ CHE MAI VIVO E SICURAMENTE GODE DI OTTIMA SALUTE FINCHE’ CI SONO MUSICISTI COSI’ . IL DISCO CONTINUA IN UN ALTERNARSI DI CLIMI E DI SITUAZIONI’ SENZA UN ATTIMO DI CEDIMENTO O DI STASI - ECHI DI HORACE SILVER, DI JOE HENDERSON E DI TUTTI QUEI MUSICISTI DEL PASSATO CHE CI HANNO FATTO INNAMORARE DI QUESTA MUSICA, POI ASCOLTIAMO MEGLIO : QUESTO E’ MICHELE POLGA E ASSOMIGLIA SOLO A SE STESSO.
FABRIZIO BOSSO STREPITOSO ( COME SEMPRE) CON QUEI SUOI GUIZZI IMPREVEDIBILI E UN CONTROLLO DELLO STRUMENTO AL LIMITE DELL’IMPOSSIBILE...
MANNUTZA , BULGARELLI E CAPPELLATO INDISPENSABILI, CREATIVI, ATTENTI E REATTIVI. SI DIVERTONO E CI DIVERTONO, SI ASCOLTANO , RICEVONO E PORGONO INPUT E CONTRIBUISCONO IN MODO DETERMINANTE ALLA COMPATTEZZA DEL GRUPPO.
TUTTE LE COMPOSIZIONI ( MENO GREEN DOLPHIN STREET E IL BLUES FINALE) SONO DI POLGA, CHE SIAFFERMA DEFINITIVAMENTE NON SOLO COME SAXOFONISTA EMOZIONANTE MA ANCHE COME AUTORE E ORGANIZZATORE DI SUONI STRAORDINARIO.
CHE DIRE ? UN VERO, AUTENTICO DISCO DI JAZZ , DI QUELLI DI UNA VOLTA, SEMPRE PIU’ RARI, E MI PIACE CHE, IN QUEST’OTTICA , SI CONCLUDA CON UN BLUES LENTO.
UNO DI QUEI CD CHE VIENE IMMEDIATAMENTE VOGLIA DI RIASCOLTARE.

"ENRICO RAVA"


 
 
 
  The previous record, "Michele Polga meets Fabrizio Bosso" ( Abeat abjz 097), live at Panic jazz club, was one of the greatest success in recent Italian jazz scenery. The disc obtained a great critical and public acclaim, testified by the substantial sales which did cry out to the little miracle. This new album, this time recorded in the studio, is its natural continuation. The level is truly amazing and confirms the qualities of this quintet that really is one of the most exciting forces in the field over the last five years. One of the most requested rhythmic section now on the national scene and two soloists which surprise every time. Next to Fabrizio Bosso, who amazes and by many is now listed as one of the top performing trumpet players in the world, the pleasure of discovering the tenor saxophonist Michele Polga, with great sound, excellent technique and expressiveness.
An album that certainly renewe the image of high-ranking Italian jazz knows how to propose in the world. We like to recall here a comment by the great Enrico Rava about this record:

The opening is quite astounding. A fast, lively theme is carried over a very solid and effective bass line... and paves the way for Polga's powerful, engaging solo. We are instantly hooked.
So is jazz alive and is it doing well? Very definitely, and with musicians such as Polga and his fellow players one can easily capture an idea of the current fortunate lot and good health of the genre.
Fabrizio Bosso is simply incredible (as always), and we enjoy the unpredictable and strikingly creative sparks he manages to generate and admire the outstanding control of his instrument. Mannuzza, Bulgarelli and Cappellato are absolutely essential; they are imaginative, alert and reactive. It is evident that it is a pleasurable experience for all of them all but it is for us too. They listen and respond to each other, offering an essential contribution towards the unity of the band. What else can we say? This is a great, truly authentic jazz album. This is the way they used to be produced and they’re increasingly rare.
It is basically one of those albums that you just want to play again and again.

ENRICO RAVA
 
Related News
 
Concerto Michele Polga meets fabrizio Bosso, 28 novembre presso Univesrtà Liuc..... 27/11/2014
 
   
   
Web development Dataexpert Art direction: Marina Barbensi ©2011 Abeat records
P.IVA 02453100121 - Via Pasubio, 6 - 21058 Solbaite Olona VA - Tel. +39 0331 376380